VECCHIA SIGNORA

 vecchiasignora.it 

 vecchiasignora.it 


Juventus-Milan: vendita biglietti chiusa, c'è già il tutto esaurito

28 Set 2011 - JUVENTUS - CALCIO 2011/2012 SERIE A - Angelo Di Santo (angelo.disanto@vecchiasignora.it)


IMMAGINE: JUVENTUS MILAN

Juventus Milan

Per il primo big match della stagione juventina ci sarà il tutto esaurito nel nuovissimo Juventus Stadium. "Dopo la fase di prelazione riservata ai Premium Member e agli iscritti agli Juventus Club Doc - comunica il club bianconero -, questa mattina le poche migliaia di biglietti ancora disponibili sono state vendute nel giro di qualche ora".

A supportare la squadra di Antonio Conte ci saranno soprattutto i tifosi, visti come l'arma in più del nuovo impianto: 41 mila spettatori, come raramente si sono visti nel restaurato stadio Comunale, adesso Olimpico. "La vendita è attualmente chiusa - ricorda la società torinese - Se dalle prenotazioni delle categorie aventi diritto risulterà esserci disponibilità di tagliandi verrà data tempestiva comunicazione".



Da: torinotoday

IMMAGINE: PIRLO E IBRA

Pirlo e Ibra

Da Pirlo a Ibra, quanti ex !

Difficile sistemare Juve-Milan di domenica sera (ore 20.45) in un contesto diciamo così classico, di superscontro insomma. Il relativo dei diversi impegni (Champions League vs Niente Europa), degli ex (Abbiati, Ibrahimovic, Pirlo, Aquilani, Zambrotta, Inzaghi e Matri, tanto per fare nomi, e grossi) e di un campionato come non mai "schiacciato" (tante squadre lassù in pochi punti) supera o quanto meno fa concorrenza all'assoluto, cioè alla grandezza storica della sfida, che giochi Tizio o che non giochi Caio. A proposito, sul fronte bianconero dovrebbe mancare soltanto il degente cronico Iaquinta. Ed è una grande notizia in tema di infortuni il sorpasso che ormai il club rossonero, nonostante il suo reclamizzatissimo Milan Lab, ha effettuato nei riguardi della Juventus in quanto a "vittime". Tornando agli arruolabili, sembra recuperabile il nuovo ministro della difesa bianconera Barzagli, anche se ha lavorato a parte per i postumi della contusione alla caviglia rimediata a Catania. Sicura la presenza di Pepe, a sinistra se dall'altra parte ci sarà Krasic, a destra se all'ala serba Conte preferirà uno tra Giaccherini o Elia. In attacco largo al tandem Matri-Vucinic, le uniche punte già andate a segno nella cooperativa juventina del gol (sette reti all'attivo, sette marcatori diversi).

NON SOLO PIRLO - La presenza in campo di Pirlo pone premesse enormi di interesse, arrivando sino a considerare una possibile emotività del campione solitamente di ghiaccio in contrasto con le sue velleità sicuramente revanchistiche, perché non si deve dimenticare che Pirlo è stato dal Milan elegantemente scaricato e dalla Juventus elegantissimamente raccolto. Ma la stessa Juve sembra avere interesse e a non mostrarsi in campo Pirlodipendente, come a suggerire una marcatura ossessionante e piallante del genio, quello che ha fatto il Catania di Montella con Delvecchio (decida Allegri chi delegare al "sacrificio", forse Nocerino?). Conte riconosce il talentissimo dell'ex, ma parla di forza della squadra tutta, una forza che proprio lui, Conte le trasmette, come se fosse in campo. Oltre al genio di Pirlo, infatti, la Juve potrà puntare sulla sregolatezza di Vucinic, che rientra dalla squalifica motivatissimo dalla caratura dello scontro, nonché intenzionato a comportarsi bene, dopo avere pagato per lo sbandamento contro il Bologna. Ma Conte conta anche sul dodicesimo uomo, incarnato nella massa dei tifosi. Per una serata comunque di gala si annuncia infatti uno Stadium tutto esaurito (settore ospiti compreso), 41mila presenze circa, con il pubblico bianconero addosso ai suoi uomini, ad alitare voglia di vincere. Insomma la Juve deve smentire chi la lega troppo a Pirlo, deve dare torto a Lo Monaco, l'ad del Catania che dice che senza l'apporto del regista bresciano "i compagni diventano formiche", pur accreditando alla compagine tutta bianconera una volontà quasi feroce.

E' ANCORA CHIELLINI L'ANTI-IBRA? - Si parla tanto, forse troppo di Pirlo, ed è magari una fortuna per Chiellini, in ombra da un po' di tempo, "spostabile" forse non solo nei dialoghi al Bar Sport sulla corsia sinistra, visto che al centro rischia di fare altri danni (Portanova e Bergessio, Bologna e Catania, ringraziano ancora), e però non caricato di eccessivi stress da vigilia. C'è chi vede Barzagli in progresso forte e ora perno centrale della difesa, c'è chi attende a gennaio il probabile approdo in bianconero del centrale brasiliano del San Paolo Rhodolfo, ma c'è anche chi ricorda che contro Ibrahimovic il "Chiello" ha la bellissima abitudine di offrire prestazioni superlative, facendo a sportellate in cielo come in terra. L'ideale per una partita che si annuncia come un crash-test, il primo per una Juventus che ha sin qui goduto di un calendario molto amico, nonché uno dei primi per il campionato tutto, sinora più balletto di confronti blandi che bolgia di sfide guerriere.

Da : larepubblica



 
Webdesign toofastengine (0,015 sec) - W3C Valid XHTML 1.1! - W3C Valid CSS! - Accessibility
http://www.vecchiasignora.it/default.asp?id=2986
* *