VecchiaSignora.it - La 4x100 (Dotto, Orsi, Santucci e Magnini) battuta solo dagli Usa.

Homepage
Homepage
Homepage

La 4x100 (Dotto, Orsi, Santucci e Magnini) battuta solo dagli Usa.

Nuoto
«Il riscatto di Londra»: con queste parole Marco Orsi commenta la medaglia d'argento conquistata dalla staffetta 4x100 stile libero maschile italiana ai Mondiali in vasca corta di Istanbul. Proprio il bolognese è stato il trascinatore, grazie ad una sensazionale seconda frazione (45"94). La gara azzurra si è aperta con le bracciate di Luca Dotto, che si è visto sfrecciare affianco il russo Morozov (autore del record della manifestazione in 45"52): «Capita sempre a me il rivale più scomodo. Comunque, mi piace aprire la staffetta perché sono sempre molto ansioso sui cambi, per cui preferisco togliermela subito. Se me l'avessero detto qualche giorno fa, non ci avrei creduto, perché sia io sia Michele Santucci non siamo stati tanto bene negli ultimi giorni. È il mio miglior tempo della stagione non lanciato, per cui ora sono curioso di vedere la gara individuale».

Poi come detto è toccato a uno scatenato Orsi: «Mi sono fatto il regalo di compleanno, speriamo di migliorarlo ancora domani con i 50 stile. Ho preso la scia di Lagunov e ho cercato di gestirmi, anche perché gli Stati Uniti erano imprendibili». Nella sua nuotata si è vista tutta la sua voglia di mettersi alle spalle le delusioni del 2012. «Avrei voluto fare anche l'Europeo, però così ho preparato una sola manifestazione e sono andato meglio - aggiunge il velocista di Budrio -. Dopo l'Olimpiade, ci ho messo un mese per riprendermi, ero uscito stressato. Poi pian piano grazie al mio allenatore e ai compagni mi sono ripreso. Non potevo fallire in vasca corta perché è il mio regno, per cui mi candido anche per la staffetta mista: mi sento il Lezak della situazione».

Il testimone è passato poi a Santucci, che ha mantenuto la terza posizione. Nel frattempo, mentre salivano gli Stati Uniti, crollavano i russi, così da aprire la strada verso l'argento, subito imboccata da Filippo Magnini. «È stato bello tornare a nuotare e trovare subito una medaglia alla prima gara dell'anno - commenta Superpippo -. Stavolta sono stati bravi i ragazzi, io ho dovuto soltanto fare il compitino e resistere agli attacchi delle altre squadre». Stati Uniti (3'06"40), Italia (3'07"70) e Australia (3'07"27) il verdetto finale, con la Russia a bocca asciutta. Un podio che non è arrivato, invece, nella 4x200 femminile, con le azzurre guidate dalla Pellegrini seste (con il nuovo record italiano 7'46"01) nella gara vinta dalle ragazze statunitensi.

Nelle altre finali di giornata, Lochte batte Biedermann nei 200 stile libero, la dominatrice della Coppa del Mondo, Katinka Hosszu, si prende i 200 farfalla e la britannica Miley resiste al ritorno della cinese Ye Shiwen nei 400 misti. L'argento della staffetta maschile è soltanto l'antipasto per l'Italia, visto che Fabio Scozzoli si è qualificato col miglior tempo (57"66) per la finale dei 100 rana di domani. Fuori, invece, i dorsisti Lestingi, Di Tora e la collega Barbieri sui 100. Niente da fare nemmeno per Matteo Rivolta nei 100 delfino.

Da : lastampa
Documenti correlati

GALLERIE

  • Cristiano ROnaldo in azione (Foto Juventus.com)
  • Standing ovation dello Stadium per il centrocampista bianconero che torna ad essere convocato da Allegri (foto LaPresse)
  • John Elkann presidente di FCA ed EXOR (Foto Juventus.com)
  • Juan Cuadrado durante gli allenamenti (Foto Juventus.com)
  • Halloween 2012 - Bonucci
  • Coach Rita Guarino (Foto Juventus.com)
  • Cristiano Ronaldo tra le sue tante scarpe (via Twitter)
  • Il capitano della Juventus Giorgio Chiellini (Foto Juventus.com)
  • Doris Bacic è bianconera (Foto Juventus.com)
  • Pavel Nedved indossa casco da football (Foto Juventus.om)