VecchiaSignora.it - La Lazio espugna l'Allianz Stadium, Juve battuta 2 a 1

Homepage
Homepage
Homepage

La Lazio espugna l'Allianz Stadium, Juve battuta 2 a 1

Paulo non aver paura di tirare un calcio di rigore
Sommario (3 par.)

La partita

Neanche il var ha potuto salvare la Juve, neanche i rigori alla moviola riescono a tenere vivi i bianconeri che continuano a sbagliare con il loro giocatore migliore, improvvisamente sprofondato in un crisi senza senso. Dopo lo sbaglio di Bergamo, Dybala ha fallito anche stavolta, sempre davanti a un portiere albanese (quella volta Berisha, questa Strakosha), sembra alla medesima maniera (tirando, debolmente, quasi con pallore) e sempre nel momento irrimediabilmente decisivo. Stavolta si era nel pieno del settimo minuto di recupero, dopo che ce n'erano voluti un paio per giudicare falloso lo scriteriato intervento a piedi uniti (sulla palla, ma troppo focoso) di Patric su Bernardeschi. Mancavano sì e no dieci secondi alla Juve e quella sciocchezza avrebbe potuto costare alla Lazio una vittoria sacrosanta, esaltante, strameritata. Strakosha ha difeso alla grande quello che, giustamente, riteneva suo.

La Juve non perdeva in campionato allo Stadium da 41 partite (di cui 38 vinte). Da 783 giorni, cioè due e passa anni, da un remotissimo 0-1 con l'Udinese. Ma questa sconfitta non ha nulla di casuale o di estemporaneo come le poche altre (con l'Inter e la Sampdoria) capitate in queste stagioni di tirannia: questa è stata una débâcle maturata quasi per inferiorità, perché la Lazio è stata gigantesca e se il risultato è stato in bilico fino all'ultimo secondo è stato soprattutto perché i biancazzurri (Milinkovic-Savic, Luis Alberto e in particolare Caicedo) non hanno giustiziato in contropiede i bianconeri, dimostrando che alla loro squadra manca solo una cosa per puntare allo scudetto, ovvero il cinismo. È vero che al 91' Dybala ha colpito il palo interno con un velenoso sinistro dal limite (evidentemente non era giornata), ma il discorso generale della partita ha spesso detto Lazio, soprattutto Lazio, che ha rimontato con i due gol di Immobile e costruito la gara perfetta.

Fonte Repubblica.it (1) Icona link

Tabellino

Si interrompe a 41 la serie di risultati utili consecutivi in casa della Juventus. La Lazio di Inzaghi compie una vera impresa ed espugna l'Allianz Stadium 2-1 con la doppietta di Immobile che ribalta l'iniziale vantaggio di Douglas Costa. Nel finale Dybala sbaglia un rigore al 96' concesso grazie all'aiuto del Var.

JUVENTUS (4-3-3): Buffon; Lichtsteiner (27’ st Sturaro), Barzagli, Chiellini, Asamoah; Khedira (20’ st Dybala), Bentancur, Matuidi; Douglas Costa (9’ st Bernardeschi), Higuain, Mandzukic. A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Benatia, Rugani, Alex Sandro, Cuadrado. Allenatore: Allegri.

LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Bastos, De Vrij, Radu; Marusic, Parolo, Leiva, Milinkovic-Savic, Lulic (39’ st Patric); Luis Alberto (27’ st Nani); Immobile (31’ st Caicedo). A disposizione: Vargic, Guerrieri, Luiz Felipe, Mauricio, Murgia, Di Gennaro, Jordao. Allenatore: Inzaghi.

ARBITRO: Mazzoleni di Bergamo

MARCATORI: 23’ pt Douglas Costa (J), 2’ st e 9’ st (rig.) Immobile (L)

NOTE: Ammoniti: Buffon (J), Sturaro (J). Angoli: 3-2 per la Juventus. Recupero: 0’ pt 6’ st

Fonte Corriere dello Sport (2) Icona link

Galleria:

Paulo Dybala (Juventus-Lazio 1-2) - Paulo non aver paura di tirare un calcio di rigore

Le pagelle

La Lazio passa con pieno merito all'Allianz Stadium. Contro una Juve senza idee e senza equilibrio in fase di non possesso, fragile di testa a tal punto da non poter considerare la sfortuna (un palo e una traversa) come un fattore poi così decisivo. Lo è ai fini del risultato, non della sostanza di una squadra che ancora è da registrare. Dopo l'intervallo cambia la gara, Inzaghi batte Allegri su tutta la linea. Che gioielli Immobile e Milinkovic Savic, che disastro Barzagli, Higuain e pure Dybala, al secondo errore dal dischetto decisivo. Le pagelle di Calciomercato.com

BUFFON 5.5: Immobile lo fulmina, messo in crisi dalla sua retroguardia. Se Dybala avesse pareggiato, il merito sarebbe stato anche del suo piedone su Caicedo.

LICHTSTEINER 5.5: benino nel primo tempo, poi si perde nell'avvio di ripresa come il resto della Juve (72' STURARO 6: di certo non era lui che poteva cambiare la partita).

BARZAGLI 4: praticamente rimane negli spogliatoi al 45', la Lazio affonda come un coltello caldo nel burro dalla sua parte.

CHIELLINI 5: un paio di interventi decisivi, ma partecipa all'horror show al fianco di Barzagli

ASAMOAH 6: una delle poche note positive della serata, partecipa al gioco con continuità e crea superiorità numerica

KHEDIRA 5.5: finché ne ha, è un fattore. Quando non ne ha più, vaga senza meta (65' DYBALA 4.5: di rientro da quelle che Allegri ha definito due settimane di vacanze si accomoda in panchina, quando entra non riesce ad accendere una Juve senz'anima. Il palo gli nega il gol che avrebbe salvato almeno l'imbattibilità interna, dal dischetto getta al vento un altro punto dopo i due di Bergamo).

BENTANCUR 5.5: ormai ha conquistato Allegri che gli lascia le chiavi del centrocampo anche con un solo allenamento alle spalle, ordinato nel primo tempo e senza idee come tutta la Juve nella ripresa.

MATUIDI 6: sfida sui chilometri con Parolo, suona la carica predicando un po' nel deserto.

DOUGLAS COSTA 5.5: fa gol. Lo si nota solo per quello. Anche nel 4-3-3, ancora fuori dal gioco (54' BERNARDESCHI 6: più pimpante del brasiliano, si guadagna il rigore che alimenta i rimpianti in casa Juve)

HIGUAIN 4: pressa, ci prova e ci riprova. Ma doveva prendere per mano lui la squadra e non lo ha fatto, sprecando anche un'occasione clamorosa subito dopo il gol del pareggio di Immobile per poi fallire sempre il tempo quando potrebbe far male.

MANDZUKIC 5: forse era il caso di farlo rifiatare dopo le fatiche con la Croazia, lento e impacciato, nemmeno cattivo.

All. ALLEGRI 4: Inzaghi lo mette nel sacco per la seconda volta in due mesi. Prepara una Juve che dura 45 minuti appena, lenta e prevedibile quando c'è da sfondare, che soprattutto balla in difesa in maniera sempre più preoccupante.

Fonte Calciomercato.com (3) Icona link
Documenti correlati
Referenze (3)
  • 1. Fonte Repubblica.it

    http://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-a/juventus/2017/10/14/news/lazio_immobile_stakosha-178295051/?ref=RHPPLF-BL-I0-C8-P1-S1.8-T1

  • 2. Fonte Corriere dello Sport

    http://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/2017/10/14-32300740/serie_a_juventus-lazio_1-2_il_tabellino/

  • 3. Fonte Calciomercato.com

    http://www.calciomercato.com/news/juve-lazio-le-pagelle-di-cm-cercasi-higuain-dybala-incubo-dal-di-46457

GALLERIE

  • Sanni Franssi segna il gol del 2 a 0 (Foto Juventus.com)
  • Stupendo primo piano di Cecilia Salvai (Foto Juventus.com)
  • L'esultanza delle ragazze dopo la 5a vittoria in campionato (Foto Juventus.com)
  • Martina Lenzini, difensore delle Juventus Women (Foto Juventus.com)
  • Azione di gioco (Foto Juventus.com)
  • L'attaccante Finlandese Sanni Franssi segna il gol partita (Foto Juventus.com)
  • Mattia De Sciglio, difensore/terzino della Juventus e della Nazionale (Foto Juventus.com)
  • Sanni Franssi, attaccante classe 1995 (Foto Juventus.com)
  • La Juventus festeggia 120 anni di storia (Foto Juventus.com)
  • Higuain salva la Juventus (Foto Juventus.com)