VecchiaSignora.it - La Juventus batte l'Inter per 1-0 : gol del solito Mandzukic su assist di «super» Cancelo

Homepage
Homepage
Homepage

La Juventus batte l'Inter per 1-0 : gol del solito Mandzukic su assist di «super» Cancelo

Mario Mandzukic decide il match (Foto Juventus.com)
Sommario (5 par.)

Il derby d'Italia si tinge di bianconero

a squadra di Allegri vince con acuto di Cancelo che nella ripresa serve al croato la palla decisiva. Nel primo tempo, i nerazzurri prendono il palo con Gagliardini nell'occasione più grande. Per la Juve solo record in campionato e ora la Champions per il primato.

Vince la Juventus, perde l’Inter. E’ la legge dei campioni d’Italia che fin qui stanno inanellando un record dietro l’altro in campionato: 14 successi e 1 pareggio in quindici match. Infiniti. E i nerazzurri? Battuti da Mandzukic, in tuffo di testa, dopo grande cavalcata di Cancelo, devastante anche a sinistra. E’ qui, nella ripresa,l’episodio decisivo. Mentre nel primo tempo, la squadra di Spalletti può solo recriminare per il palo di Gagliardini, comunque un errore, visto che l’occasione era grande come una casa per portare i suoi in vantaggio. La gara è stata degna dei miglior derby d’Italia, con azioni di qua e di là. E come capita spesso, vince la squadra bianconera con un acuto dei suoi tanti campioni. Non è di Cristiano Ronaldo, ma del suo connazionale che è sempre più decisivo. Come SuperMario, bomber ringiovanito a fianco di CR7. E adesso la Champions per il primato nel girone.

Fonte Tutto Sport (1) Icona link

Galleria:

Mario Mandzukic (Juventus-Inter 1-0) - Mario Mandzukic esulta dopo il gol (Foto Juventus.com)

Le pagelle della Juventus

Le pagelle di EuroSport (2) Icona link

Wojciech SZCZESNY 6 – Attento quando vine chiamato in causa, senza dover commettere interventi decisivi. Serata tutto sommato tranquilla, anche grazie alla prova arcigna dei due centrali a sua protezione.

Mattia DE SCIGLIO 6 – Presidia bene la sua zona e trova il modo di proporsi in fase offensiva. Prova non sfolgorante, ma di personalità.

Leonardo BONUCCI 6,5 – Non sbaglia nulla ed è incisivo anche in fase di impostazione dalla prima linea con lanci radiocomandati da dietro. Con il compagno di reparto forma una coppia formidabile.

Giorgio CHIELLINI 7,5 – È in una condizione fisica debordante e lo dimostra anche stasera con chiusure a ripetizione sugli avversari, specialmente nella fase più rovente del derby d’Italia. Dalle sue parti non si passa nemmeno per sbaglio. Gladiatore vero.

Joao CANCELO 7 – Fenomenale uomo assist, è lui a scappare alle spalle di Vrsaljko e offrire un cioccolatinio solo da scartare per Mandzukic. È un po’ la sliding door della serata: nel cambio tra esterni di difesa è stata l’Inter a perderci, ma questo in fondo lo sapevamo già. Unico neo: sbaglia qualcosa in fase difensiva, arte ancora da affinare.

Miralem PJANIC 5 – Peggiore tra le fila dei padroni di casa, perchè non entra mai davvero in partita e soprattutto nel primo tempo lascia la ribalta ai pari ruolo avversari, soprattutto Brozovic. Il giallo rimediato in avvio lo condiziona, forse, perchè oggi è parso la pallida copia del miglior "pianista" bianconero. (82’ EMRE CAN sv).

Rodrigo BENTANCUR 6 – Luci e ombre nella partita del centrocampista “volante” bianconero. A tratti troppo ruvido, a tratti precipitosa, in ogni caso non fa mancare il suo apporto quantitativo al match.

Blaise MATUIDI 6,5 – Si fa perdonare un paio di sbavature difensive con la sventagliata da cui scaturisce il gol partita.

Paulo DYBALA 6 – Si muove da “tuttocampista” come ormai gli compete ma a conti fatti è più efficace lontano dalla porta; non irreprensibile al momento di battere a rete, eppure un paio di occasioni li avrebbe anche. Si salva per generosità e predisposizione alla battaglia. (72’ DOUGLAS COSTA 6 – Qualche strappo in ripartenza utile per far ripartire la squadra.)

Mario MANDZUKIC 6,5 – Bravo a farsi trovare nel porsto giusto al momento giusto dopo una prova non esattamente scintillante. Quello di Cancelo del resto è un invito a nozze per uno come lui. Settimo gol del suo splendido campionato, sin qui.

CRISTIANO RONALDO 6 – Serata da attore non protagonista la sua: qualche buono spunto, però anche una cattiva gestione di alcuni palloni nei pressi dell’area avversaria. La voglia di incidere nel match c’era tutta, ma la sensazione è che questa sera gli sia rimasto il colpo in canna.

All. Massimiliano ALLEGRI 7 – Miglior partenza di sempre nei top 5 campionati nell’era dei tre punti: basterebbe questo dato per premiare il suo timoniere principale. La Juventus stasera esce ulteriormente rinforzata con una delle sue rivali più accreditate a inizio campionato perchè ha saputo soffrire e attendere il momento giusto per colpire. Letale e inarrivabile per qualunque avversaria.

Allegri: «Siamo stati efficaci e concreti»

«Bisognava fare una partita efficace e concreta. L’inter ci ha messo in difficoltà con le mezzale, sulle quali noi faticavamo. Nel primo tempo abbiamo portato con pazienza la palla nella metà campo avversaria, ma solo dalla mezz’ora in poi, mentre nella ripresa abbiamo concesso poco, siamo stati ordinati e compatti».

La sintesi di Juve-Inter, per Allegri, è in questi aggettivi: una Juve, quella di stasera, efficace e concreta. «Non dovevamo assolutamente perdere, ma al contempo eravamo chiamati a fare una partita di concentrazione e testa. Portare a casa i tre punti oggi è molto importante, perché si tratta di una vittoria in meno verso l’obiettivo del campionato».

Sulle prestazioni dei singoli: «Cancelo a sinistra ha giocato bene, ha sofferto Politano perché era troppo stretto, ma sulla fase difensiva comunque è migliorato. Dybala ha giocato molto bene, lo ho tolto perché avevo bisogno che Douglas portasse la palla nell’altra metà campo, Mandzukic si è sacrificato molto: la sua storia parla per lui, sta sempre dentro la partita con la giusta fisicità».

Fonte Juventus.com (3) Icona link

Cancelo: «Vittoria meritata»

Ha lasciato la sua firma sul Derby d'Italia con l'assist per la rete decisiva di Mandzukic e a fine partita si gode giustamente il successo. Joao Cancelo era uno degli ex della sfida e per lui la vittoria ha un sapore speciale: «L'Inter è stata una parte importante della mia carriera, ma ora sono alla Juve e do tutto per questa squadra. Credo che la vittoria sia stata meritata: nel primo tempo abbiamo avuto qualche momento di difficoltà, ma più per meriti degli avversari che per demeriti nostri. D'altra parte l'Inter è un'ottima formazione, con giocatori di qualità e un grande allenatore. Nella ripresa però siamo usciti noi e nel complesso credo che abbiamo giocato meglio».

Fonte Juventus.com (4) Icona link

onucci: «Questa vittoria rappresenta la nostra fame»

«Una partita combattuta, nel primo tempo abbiamo concesso troppo, ma poi siamo cresciuti». E’ soddisfatto per un successo importantissimo, Leo Bonucci a fine partita. «E’ una vittoria che rappresenta bene la nostra fame. Dopo il gol, siamo stati capaci di coprirci come sappiamo».
E aggiunge: «Chiellini e io facciamo il nostro lavoro cercando di dare il meglio, e la squadra ci aiuta sempre. Dopo il palo dell’Inter abbiamo cambiato marcia, nella ripresa siamo partiti bene e dopo il gol siamo stati bravi a non concedere niente»

Fonte Juventus.com (5) Icona link
Documenti correlati
Referenze (5)
  • 1. Fonte Tutto Sport

    http://www.tuttosport.com/news/calcio/serie-a/juventus/2018/12/07-50827104/juventus_da_record_come_non_mai_mandzukic_abbatte_anche_l_inter/

  • 2. Le pagelle di EuroSport

    https://it.eurosport.com/calcio/serie-a/2018-2019/le-pagelle-di-juventus-inter-1-0-chiellini-gladiatorio-cancelo-sovrasta-vrsaljko_sto7042767/story.shtml

  • 3. Fonte Juventus.com

    http://www.juventus.com/it/news/news/2018/juve-inter-allegri-intervista.php

  • 4. Fonte Juventus.com

    http://www.juventus.com/it/news/news/2018/juve-inter-cancelo-intervista.php

  • 5. Fonte Juventus.com

    http://www.juventus.com/it/news/news/2018/juve-inter-bonucci-intervista.php

GALLERIE

  • La Juventus vince la Supercoppa Italiana 2018 (Foto Juventus.com)
  • Benedetta Glionna in azione (Foto Juventus.com)
  • Paolo De Ceglie (ritorno dal prestito)